orti sinergici
02
03
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24

Orti sinergici

Il lavoro riguarda la progettazione di un’area di circa un ettaro all’interno della Cooperativa Sociale Agricola Si può fare, in contrada Zisola a Noto (SR).
Lo scopo era riquadrare l’area disegnando vari orti sinergici con coltivazioni differenti e allo stesso tempo dare vita a spazi alternativi per un uso anche ricreativo e formativo nell’area. Ci sono quindi aree ombreggiate con gazebi in ferro, sedute in legno, uno spazio dedicato alla didattica per bambini e non,e un piccolo anfiteatro naturale realizzato con le balle di paglia.
I materiali utilizzati sono paglia, ciottoli, ferro corten e legno.
L’area è stata divisa in due grandi spazi a diverse altezze collegati da una scalinata ricoperta con ciottoli bianchi.
Le forme degli orti sono dei parallelogrammi che dialogano tra loro creando diverse geometrie.

L’agricoltura sinergica è un nuovo tipo di agricoltura naturale e biologica, basata sulla sinergia tra le piante coltivate.
Si basa sul presupposto che in natura tutto ha sempre funzionato alla perfezione senza la presenza dell’uomo. Le piante hanno prodotto i loro frutti senza essere accudite e il terreno non ha mai avuto bisogno di concimi per essere fertile.
Coltivare in modo sinergico significa gestire l’orto in modo tale che possa somigliare il più possibile a un ambiente del tutto naturale riproducendone meccanismi ed equilibri e lasciando che gli esseri viventi che lo popolano (piante, lombrichi e ogni altro organismo presente nel suolo, dal più grande al più piccolo) cooperino autoregolando la produzione di ortaggi.

Project details

Project

Salvatore Spataro, Paolo Barboni

Location

Noto

Date

2020

Share on
Previous

Sale degustazione – Si può fare